EHI, GIORNALISTA!!!

news bianco 450x450 

"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia. Il resto è propaganda"

(Horacio Verbitsky)

 

 

Marcello Foa presenta a Milano il suo libro "Gli Stregoni della Notizia - Atto secondo", e spiega le tecniche che gli spin doctor utilizzano per manipolare i cittadini e condizionare il consenso politico.

Il 4 luglio 2018 il Parlamento Europeo è chiamato a ratificare la legge sul Copyright, la cosiddetta Oettinger/Voss, quella della “tassazione sui link” e della “censura preventiva” di cui abbiamo parlato nella ControRassegna Blu 18. Una norma che restringerà la libertà di espressione e cambierà la rete per come l'abbiamo conosciuta (a proposito: stiamo raccogliendo le firme. C'è tempo solo fino all'inizio di luglio. Manca ancora la tua e quella dei tuoi amici: https://it.surveymonkey.com/r/SalvaInternet

SULL'ORLO DELLA TOMBA DI INTERNET
Controrassegna Blu #18: le notizie che i radar dell’informazione mainstream non rilevano. In questa edizione:
- Mancano 13 giorni alla distruzione della rete per come la conosciamo. Firma adesso ...o mai più!
- USA: Bambini immigrati in gabbia. Un’odiosa prassi che va avanti da vent’anni.
- Toscani e i Benetton: la foto scandalo sui migranti, e l’ipocrisia di certi “benefattori”.
- In Basilicata si devasta un parco archeologico per far posto a una centrale eolica.
- Julian Assange: 6 anni nell’ambasciata dell’Ecuador. Ma ha ancora in mano documenti scottanti.
- Plastic radar: Greenpeace lancia la caccia grossa alla plastica in mare e in spiaggia.

Questi sono i temi affrontati da Alberto Bagnai e Vladimiro Giacchè durante la presentazione del libro "Gli stregoni della notizia - atto secondo", di Marcello Foa, nel corso di un evento che ha registrato il pienone, organizzato dall'Intellettuale Dissidente in collaborazione con l'associazione Asimmetrie, sabato 21 aprile a Roma.

Red Ronnie, storico dj, produttore discografico, presentatore, conduttore di Roxybar.tv, cerca di rispondere insieme a Claudio Messora alla domanda: "perché la musica oggi ha perso i suoi eroi? Dove sono i grandi artisti che sfidano il loro tempo e coraggiosamente tracciano una rotta, agiscono da spartiacque, ispirano valori di rottura e spiazzano la politca? Come è riuscito il sistema a distruggere la forza dei miti della musica, capaci di influenzare milioni di persone e spostare l'ago della bilancia nelle decisioni politiche? Se esiste ancora una speranza, dove possiamo riporla?".

Il celebre detto "nulla è più inedito dell'edito" si adatta perfettamente al giornalismo d'inchiesta in campo economico e finanziario, dove le fonti orali sono di regola gli osti o i loro portavoce che ti dicono quanto è buono il loro vino. In mancanza di whistleblower la vera miniera degli scoop sono le fonti aperte: bilanci, relazioni, note integrative, istruttorie della vigilanza (Consob, Antitrust, Agcom, Banca d'Italia) e della magistratura. In un'ora un rapido manuale d'istruzioni. Riconoscimento crediti formativi da parte dell’Ordine dei Giornalisti, prenotazione tramite il sito SIGEF (40 posti riservati all’Ordine). Con: Giorgio Meletti (il Fatto Quotidiano)Giorgio Meletti

Reputazione, comunicazione e fiducia. La società civile tra informazione e fake news. Un’occasione di confronto tra esponenti della società civile e operatori dell’informazione sui fenomeni mediatici che hanno investito quest’anno il mondo delle organizzazioni. Crisi di fiducia generalizzata o manifestazione di una (voluta) limitazione dello spazio d’azione degli attori civici? Il ruolo dei media nel veicolare una corretta informazione e decostruire le fake news. Il ruolo delle organizzazioni nel comunicare efficacemente e con trasparenza un sistema valoriale che va difeso. A cura di Action Aid e Medici Senza Frontiere. Con: Paola Barretta (Osservatorio di Pavia), Marco De Ponte (segretario generale ActionAid), Gianni Del Vecchio (vicedirettore L'Huffington Post Italia), Gabriele Eminente (direttore generale Medici Senza Frontiere)

Una serie tv in cinque puntate per Tv2000 e una web serie per Rebubblica.tv, per proporre, attraverso le voci dei giovani cooperanti di Medici con l’Africa Cuamm, un punto di vista diverso sull’Africa, al di là degli stereotipi. Un’occasione per discutere anche della rappresentazione nei media dell’Africa e del mondo della cooperazione.

Noura Ghazi Safadi in conversation with Francesca Caferri and Donatella Della Ratta. It was 15 March 2011 and thousands of people took to the streets of Damascus, shouting slogans similar to those that had resounded in the streets of Tunis in the previous weeks. Who was there remembers those days as a moment of hope and the end of fear. Seven years later, everything has been shattered under the blows first of the civil war and then of the international conflict. And so many of the protagonists are now dead.

In Italia i giornalisti non devono temere solo le querele temerarie e una legislazione carente nel tutelarli. Minacce, intimidazioni, aggressioni o persino attentati diventano spesso un mezzo per ridurre al silenzio le voci libere dell'informazione, specie per chi indaga sul crimine organizzato e lavora su quei territori che le mafie amministrano come feudi. Solo nel 2018, secondo Ossigeno per l'Informazione sono più di 60 i giornalisti che hanno subito minacce nel nostro paese. Che cosa succede quando un giornalista continua a fare il proprio lavoro dopo aver varcato il punto di non ritorno di una minaccia di morte? Lo Stato fa abbastanza per questi professionisti? Ne parleremo con quattro di loro, ascoltandone storie di coraggio e lotta per la verità, nella quotidiana convivenza con la paura per la propria incolumità. Con: Federica Angeli (La Repubblica), Silvio Aparo (direttore VoxPublica.it), Paolo Borrometi (presidente Articolo21), Nello Trocchia (Nemo RAI 2), Nello Trocchia

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.